17 aprile 2006

Fuel

Ani DiFranco
Ani DiFranco
Stavano scavando delle nuove fondamenta a Manhattan
Ed hanno scoperto un cimitero di schiavi
Possano le loro anime riposare in pace
Ora che il linciaggio è considerato una barbarie
E siamo passati alla sedia elettrica

E mi chiedo chi diventerà presidente?
scemo o più scemo?
E quale sarà il grande successo al botteghino quest'estate?
Che ne dici di costruire un muro tra le case e l'autostrada
Così tu puoi andare per la tua strada e io per la mia

Solo che tutte le radio sono d'accordo con tutte le TV
E le riviste son d'accordo con tutte le radio
E io continuo a sentire la stessa cazzo di canzone dovunque vada
Forse dovrei mettere la testa nel secchio
e una caramella in ogni orecchio
e trascinarmi barcollando
Aspettando in silenzio che arrivi il prossimo tormentone

La gente una volta incideva i dischi
come la registrazione di un evento
l'evento di persone che suonano musica in una stanza
Adesso è tutto strategia di marketing
sugli occhiali e le scarpe
e le pistole e le droghe
che scegli

Siamo rimaneggiati
Siamo instupiditi
Stiamo scavando tutte le tombe
e sputiamo sul passato
E puoi scegliere i colori
dei rossetti sulle puttane
Perché sappiamo la differenza tra
Le lettere in caratteri più grandi del 20%
e i caratteri tipo teriyaki
Mi dici
Come ti fa sentire
Mi dici
Cos'è reale?

Dicono che gli alcolizzati sono sempre alcolizzati
Anche quando sono asciutti come le mie labbra per anni
Anche quando sono naufragati in una piccola isola deserta
senza neanche un posto dove comprarsi una birra nel raggio di duemila miglia
E mi chiedo
è diverso?
è diverso?
è cambiato? lui è riuscito a cambiare?
O è solo un bugiardo senza niente su cui mentire?

Sono diretta verso lo stesso muro di mattoni
C'è qualcosa che posso fare
qualsiasi cosa?
Se non tornare indietro a quell'angolo a Manhattan
E scavare più a fondo, scavare più a fondo stavolta
Giù sotto l'impossibile dolore della nostra storia
Sotto ossa sconosciute
Sotto le fondamenta dell'enigma
Sotto i tombini e le fognature
Sotto i ciottoli e le condutture dell'acqua
Sotto il traffico di amicizie e di affari per strada
Sotto lo stridere delle ruote di taxi kamikaze
Sotto tutto ciò che posso pensare di pensare
Sotto tutto questo, sotto tutto ciò che è stato tirato fuori
Sotto il buono e il gentile e lo stupido ed il crudele
C'è un fuoco che aspetta solo la benzina

Ani Di Franco, Fuel - da Little Plastic Castle (1999) - la traduzione è mia.

7 commenti:

Lorenzo Masetti ha detto...

oggi non funziona la pubblicazione di nuovi post. Vediamo se almeno funzionano i commenti..

Laura ha detto...

"and we can choose between the colors
of the lipstick on the whores"

io direi "e possiamo scegliere il colore dei rossetti SULLE puttane", nel senso di addosso a loro

Lorenzo Masetti ha detto...

e c'hai anche ragione, ora correggo.
Anche sulla parte di teriyaki sono un po' ammattito ma anche grazie a un forum che non mi ricordo più dov'è mi pare d'aver capito che si riferisca alle insegne che usano caratteri orientaleggianti e tu capisci subito che si vende roba "esotica".

Lorenzo Masetti ha detto...

Oltretutto mi sembra che nel cd originale ci fosse anche la traduzione italiana "ufficiale". Ad avercelo... ;)

Laura ha detto...

io ce l'ho! aspetta che controllo..
"è tutta roba malfatta, rimasticata. stiamo tirando su tutte le bombe e sputando sul passato. e puoi scegliere fra i colori del rossetto sulle puttane. non c'è più nessuna differenza fra l'origine del 20% in più e l'origine del teriyaki"

presterottelo :)

Lorenzo Masetti ha detto...

come dire... avevo proprio capito tutto :)

Michela C. ha detto...

Cercavo questa traduzione, grazie! Mi è stata di grande aiuto.
Michela